6 settembre 2015

"La trattativa Stato-mafia è un fatto. Sarà il metodo per prendersi l'Italia - Nel libro "Catania bene", il procuratore Sebastiano Ardita descrive i patti con Cosa Nostra

Sebastiano Ardita

5 settembre 2015 di Antonella Mascali

Sotto l'Etna. Nel libro "Catania bene", il procuratore Sebastiano Ardita descrive i patti con Cosa Nostra

Catania bene di Sebastiano Ardita, magistrato di punta nella lotta alla mafia (attualmente procuratore aggiunto a Messina) non è solo un libro sulla sua Catania, sulla storia criminale della città, mai anti Stato, sempre alla ricerca con successo, di sponde tra i governanti e i colletti bianchi.

Catania bene, edito da Mondadori, è anche un test sull'Italia fatta di patti tra mafiosi e traditori dello Stato. La tesi è che il modello catanese dell'inabissamento e degli accordi istituzionali è stato il modello vincente, esportato in tutta la Sicilia e adesso ha come progetto lo stravolgimento della democrazia.
Con Ardita parliamo del libro, in uscita l'8 settembre, sul terrazzo di un bar di Catania.


Nel libro racconta che i boss locali con i loro legami politici, negli anni 70-80, sono stati i precursori della trattativa tra lo Stato e la mafia. Quindi lei crede ci sia stato uno scambio tra pezzi delle istituzioni e mafiosi?
Io non manifesto una opinione, espongo un dato di fatto e lo offro alla valutazione del lettore. Trattare con lo Stato, entrarvi in relazione e confondervisi fino a disorientare i semplici cittadini è stata la nota dominante e vincente della Cosa nostra catanese. Non deve sorprendere perciò se dopo la caduta della dittatura di Riina di cui pure i catanesi furono alleati il loro metodo venne esportato nella nuova gestione Provenzano. La trattativa è un modello di governo criminale, non è un reato di per sé e non identificarsi solo in un processo. Anche perché essend un "metodo" e non un fatto non sempre dà luogo a condotte perseguibili penalmente.

Secondo lei l'inabissamento da sempre della mafia catanese e poi di  quella palermitana è un modello pericoloso, che si è esteso a livello nazionale. Cosa sta davvero succedendo?
Se non saremo in grado di controllare i flussi economici di Cosa Nostra e non lo siamo, specie per originati in tempi più distanti  o trasferiti in territori offshore,  questo pericolo può diventare concreto. E non c'è bisogno di spiegare il nesso tra finanza e politica, per comprendere quale rischio si corra. Ripulitasi dalle scorie del passato, Cosa Nostra somiglierà sempre più a una loggia segreta dove tutto fa capo alla finanza, e attraverso di essa potrà portare l'assalto al potere politico.  Ne otterrà favori anche a danno dei contribuenti, e  lo finanzierà. E poi servendosi della politica tenterà di influenzare tutti i poteri istituzionali.

Lei descrive una città difficile, pervasa dalla mafia e dalla lotta alla sopravvivenza.
A Catania la mafia va oltre Cosa Nostra. Le sue aderenze e il suo metodo hanno lambito e compromesso i poteri pubblici e quelli economici. Vale sempre il principio che se sei pulito niente ti puo sporcare, ma devi tenere gli occhi aperti. Al tempo stesso non puoi essere sprezzante verso quanti, vittime o complici, hanno conosciuto solo quel mondo: il riscatto della città deve partire anche dai figli e nipoti di chi è stato invischiato nel sistema criminale affaristico-mafioso. Come è avvenuto per Peppino Impastato al tempo stesso figlio di un mafioso e simbolo della legalità - tutti devono potere scegliere senza essere marchiati a fuoco. 
Per questo provo fastidio per chi professa una ostentata e sprezzante antimafia, solo perché ha avuto la fortuna di non essere nato nel ghetto e di non dover dipendere da quel sottosistema per poter sopravvivere.

Lei definisce Catania come una citta "ferma": non crede a uno scatto di reni?
Al contrario, sono convinto della possibilità di riscatto dei catanesi, perché credo nella loro intelligenza e nella loro capacità di lavoro.
Solo che mi sento piu vicino a quelli che vivono nei quartieri e sono convinto che senza di loro la  partita è persa. Alcuni vorrebbero venirne fuori, cercando ragioni identitarie diverse. Ci siamo mai chiesti perché ci sono giovani di San Cristoforo (quartiere storico della mafia, ndr) che preferiscono aderire ad un gruppo ultras anziché alla squadra di Cosa nostra? E cosa succede quando questo bisogno identitario si scontra con la scoperta che il mondo del calcio è truccato? Siamo capaci di indirizzarli verso qualcosa che dia loro una identità senza essere violenti?

Il Fatto Quotidiano
Posta un commento

Avvertenze sul blog











SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog

RICARICA postepay: 4023 6006 4546 1221


Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza
Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.