5 marzo 2009

*ANNA POLITKOVSKAJA


















Anna Politkovskaja nasce a New York il 30 agosto 1958, da due diplomatici ONU sovietici di nazionalità ucraina. Studia giornalismo all'Università di Mosca, dove si laurea nel 1980 con una tesi sulla poetessa Marina Tsvetaeva.



Dal 1982 al 1993 lavora presso il giornale Izvestia. Passa in seguito alla Novaja Gazeta e nel 1998 si reca per la prima volta in Cecenia per intervistare Aslan Mashkadov, all'epoca neo-eletto presidente. Collabora con radio e televisioni libere e pubblica articoli fortemente critici sul governo guidato da Vladimir Putin e sulla conduzione della guerra in Cecenia, Daghestan ed Inguscezia, ricevendo per questo numerose denunce e minacce di morte.



Nel 2001 vince il Global Award di Amnesty International per il giornalismo in difesa dei diritti umani ma è costretta a fuggire a Vienna in seguito a ripetute minacce ricevute da Sergei Lapin, un ufficiale dell'OMON (la polizia dipendente direttamente dal ministero degli Interni russo con emanazioni nelle varie repubbliche della federazione) da lei accusato di crimini contro la popolazione civile in Cecenia. Lapin viene arrestato per un breve periodo e poi rilasciato nel 2002. Il processo riprende nel 2003 per concludersi nel 2005 dopo numerose interruzioni con una condanna per l'ex-poliziotto per abusi e maltrattamenti aggravati su un civile ceceno e per falsificazione di documenti.




La Politkovskaja intensifica i suoi viaggi in Cecenia per documentare gli abusi commessi dall’esercito russo sulla popolazione civile, le violenze dei miliziani ceceni, le connivenze dei politici ceceni filorussi e per denunciare il silenzio della comunità internazionale. Con la collaborazione degli operatori locali dell’associazione Memorial e Amnesty International sostiene le famiglie delle vittime civili, visita ospedali e campi profughi, intervista militari russi e civili ceceni.
Nell’ottobre 2002 accetta il ruolo di negoziatrice durante l'assedio del teatro Dubrovka di Mosca.


Nel 2003 vince il premio dell'Osce per il giornalismo e la democrazia
e pubblica A Small Corner of Hell: Dispatches from Chechnya (tradotto in italia con il titolo Cecenia. Il disonore russo) in cui continua la sua denuncia dela guerra brutale in corso in Cecenia, in cui migliaia di civili sono torturati, rapiti o uccisi dalle autorità federali russe o dalle forze cecene. Per la stesura del libro, la Politkovskaja si è avvalsa delle testimonianze di militari russi e della protezione di alcuni ufficiali durante i mesi più duri della guerra.
Nel settembre 2004, mentre si sta recando a Beslan per trattare la liberazione degli ostaggi della scuola numero 1, viene improvvisamente colpita da un malore e perde conoscenza. L'aereo sul quale viaggia è costretto rientrare a Mosca per permettere un suo immediato ricovero. Si suppone un tentativo di avvelenamento, ma la dinamica dell'accaduto non verrà mai chiarita del tutto.


Il 7 ottobre 2006 viene assassinata nell'ascensore di casa sua a Mosca.
fonte: www.associazionepolitkovskaja.eu/sito
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...