5 marzo 2009

*Silvano Agosti: un poeta in motorino





Silvano Agosti: un poeta in motorino Patrimoni dell’umanità! Novembre 7, 2008 — Arcano Pennazzi MESSAGGIO PERMANENTE.
Ho deciso di spiegare ai miei simili perché chiedo loro di aiutarmi a far sì che L’UNESCO o LE NAZIONI UNITE dichiarino ufficialmente e solennemente l’essere umano “Patrimonio dell’Umanità”. Ho ricevuto molte mail di assenso a questi intenti, chiunque voglia associarsi mi scriva a questo indirizzo silvanoagosti@tiscali.it Chiunque può aiutare il raggiungimento di questo obbiettivo si metta in contatto con me silvanoagosti@tiscali.it Se ciò accadrà, come è accaduto per la Torre di Pisa o il Pantheon nominati “patrimonio dell’umanità”, l’essere umano diverrà intoccabile. Qualsiasi intervento su di lui dovrà tener conto che quando una realtà viene dichiarata “Patrimonio dell’umanità” diviene inalterabile. E allora finalmente sì capirà e sarà evidente che non esistono gli operai, gli impiegati, i mariti, i Papi, i ragionieri, ma solo degli esseri umani costretti a fare l’operaio, il ragioniere, l’impiegato, il Papa, il marito etc. L’essere umano potrà esprimere a livello mondiale i propri diritti elementari e chiedere che vengano rispettati. L’essere umano, nominato solennemente “Patrimonio dell’umanità”, troverebbe naturale che le strutture pubbliche del paese nel quale è nato si occupassero di lasciarlo crescere in pace fino a 18 anni, procurargli un’abitazione che lo renda indipendente dallo spazio familiare, un lavoro di breve durata quotidiana e la possibilità di conoscere il mondo. Uniamo dunque le nostre forze di alleati della vita con lo scopo di far attribuire all’essere umano la qualifica di“Patrimonio dell’umanità” e vediamo se qualcuno avrà ancora il coraggio di affogare la dignità di questo capolavoro della natura che è appunto l’essere umano, in un oceano nerastro di petrolio e di potere.

Il fatto che la gente vada a lavorare sei giorni a settimana è la cosa più PEZZENTE che si possa immaginare. Come si fa a rubare la vita agli esseri umani in cambio del cibo del letto e della macchinetta?
Mentre fino a ieri credevo che mi avessero fatto un piacere a darmi un lavoro, da oggi penso “Pensa questi BASTARDI, che mi stanno rubando l’unica vita che ho!” Perché non ne avrò un’altra, ho solo questa! E loro mi fanno andare a lavorare cinque volte, sei giorni a settimana, e mi lasciano un miserabile giorno…PER FARE COSA? Come si fa in un giorno a costruire la vita?
Allora…intanto uno non deve mettere i fiorellini alla finestra della cella nella quale è prigioniero perché se no, anche se un giorno la porta sarà aperta, lui non vorrà uscire! Deve sempre pensare con una coscienza perfetta “Questi stanno RUBANDOMI la vita, in cambio di due milioni e mezzo al mese bene che vada! Mentre io sono un capolavoro il cui valore è INENARRABILE!” Non capisco perché un quadro di Van Gogh debba valere settantasette miliardi e un essere umano due milioni e mezzo al mese bene che vada. Secondo me poi, siccome c’è un parametro che con le nuove tecnologie i profitti sono aumentati almeno cento volte, allora il lavoro dovrebbe diminuire almeno dieci volte! E invece no! L’orario di lavoro è rimasto intatto.
Oggi so che mi stanno rubando il bene più prezioso che mi è stato dato dalla natura. Pensa alla cosa più bella che la natura propone, che è quella mettiamo… di fare l’amore. Immagina che tu viva in un sistema politico economico e sociale in cui le persone sono obbligate, con quello che le sorveglia, a fare l’amore otto ore al giorno… sarebbe una vera tortura! E quindi perché non deve essere la stessa cosa per il lavoro, che non è certamente più gradevole che fare l’amore, no? Per esempio il fatto che la gente sta lì che va a lavorare sei giorni a settimana…Certo ho il mitra alla nuca, lo faccio! Faccio discorsi ma poi dico ”Meglio leccare il pavimento o morire? Meglio leccare il pavimento!”. Ma quello che è orrendo in questa cultura è che leccare il pavimento è diventata addirittura un’aspirazione, capisci? Ma è mostruoso che il tipo debba andare a lavorare otto ore al giorno e debba essere pure grato a chi gli fa leccare il pavimento, capisci? Tutto ciò è oggettivamente mostruoso.
Ma laddove la coscienza produce coscienza, tutto ciò è effettivamente mostruoso!
-SI VABBÈ MA ORMAI È IRREVERSIBILE LA SITUAZIONE!
Si, tu fai giustamente un discorso in difesa di chi ti opprime perché è tipico dello schiavo! No? Il vero schiavo…il vero schiavo difende il padrone, mica lo combatte. Perché lo schiavo non è quello che ha la catena al piede, quanto quello che non è più capace di immaginarsi la libertà. Ma rispetto a quello che tu mi hai detto adesso, quando Galileo ha annunciato che era la terra a girare intorno al sole, ci sarà sicuramente stato qualcuno come te, che gli avrà detto ”EEEhhh, seeee! Sono ventidue secoli che tutti dicono che è il sole che gira intorno, mo arrivi te a dire questa stronzata… e come farai a spiegarlo a tutti gli esseri umani?!” “ Non è affare mio, signori!” “Allora, guarda. Noi intanto ti caliamo in un pozzo e ti facciamo dire che non è vero, così tutto torna nell’ordine delle cose….”.
Hai capito? Perché tutto l’occidente vive in un aria di beneficio perché sta rubando OTTO DECIMI dei beni del resto del mondo. Quindi non è che noi stiamo vivendo in un regime politico capace di darci la televisione, la macchina ecc.. NO! E’ un sistema politico che sa rubare otto decimi a TRE quarti di mondo, e che dà un po’ di benessere ad UN quarto di mondo che siamo noi.
Quindi, signori miei, o ci si sveglia, o si fa finta di dormire, o bisogna accorgerci che siete tutti morti!
(SILVANO AGOSTI)
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...