10 marzo 2010

La libertà in Sicilia

Riccardo Orioles


Libertà di stampa? Certo che in Sicilia esiste, tant’è vero che state leggendo questa cosa. Ma non è benvoluta, nè dal governo nè dalla società (per governo in Sicilia s’intende sia quello che si vede sia quello che no).
L’indifferenza della società alla libera informazione si vede, di solito, il giorno dopo che ammazzano qualche giornalista. Da noi ne ammazzano molti, meno che in Colombia o in Russia ma più che in ogni altro paese. Gli unici casi in cui la gente si sia ribellata sono stati quelli di De Mauro (grazie ai comunisti, che allora c’erano ancora) e Fava (i ragazzi di Catania). Alfano, Cristina, Francese, Rostagno, Spampinato e Impastato morirono nell’indifferenza generale.

A Cinisi, il paese di Impastato, la popolazione a trent’anni di distanza è ancora dalla parte dei mafiosi (imitata, negli ultimi tempi, dai più recenti mafiosi delle valli bergamasche).

Esiste la libertà, ma non il mercato. L’unico siciliano autorizzato (dalle Competenti Autorità) a fare tivvù e giornali si chiama Mario Ciancio, vive a Catania ed ha nell’harem tutti gli intellettuali cittadini, dall’elegante fascista Buttafuoco al feroce maoista Barcellona. Non vende molti giornali (molto meno, in proporzione, che a Istanbul) ma la cosa non ha importanza, perché tutti gli imprenditori siciliani (compresi quelli che ultimamente hanno smesso di essere mafiosi) fanno pubblicità solo da lui.
Mai, mai, mai leggerete un rigo di pubblicità siciliana su un giornale siciliano antimafioso.

Libertà di stampa vuol dire dunque che tu, se sei disposto a fare la fame per i prossimi venti o trent’anni ed eventualmente prima o poi ad essere ammazzato, puoi scrivere quello che vuoi e pubblicarlo qui, su Girodivite, su Ucuntu.org, su Catania Possibile, su Terrelibere, sulla Periferica, sui Cordai o su qualche altro giornale di analoghe dimensioni. Per informare la gente, in realtà, questo potrebbe anche essere sufficiente (specialmente se tutti questi organi prima o poi si decidessero a unirsi fra loro).
A Messina, ad esempio, l’allarme su Giampilieri era stato dato ben prima dai giornalisti liberi, in tempo per prendere i provvedimenti opportuni e salvare – alla faccia degli speculatori edilizi e della loro Gazzetta – coloro che erano già in lista d’attesa per essere annegati alle prime piogge. Ma nessuno ha preso sul serio i loro articoli.
Se fossero stati giornalisti bravi – ragionava il lettore messinese – avrebbero fatto i milioni al servizio dei politici, mica avrebbero perso tempo e soldi per informare me.

Al messinese, al palermitano, al catanese, sapere la verità in realtà non interessa. La verità è fastidiosa, la verità desta. Ed è così bello dormire! La realtà è quel che è, cambiarla è faticosissimo, meglio sognare. Forza Catania, evviva il Ponte, viva Palermo e Santa Rosalia.
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...