28 settembre 2011

"L'atteggiamento di Saverio Romano sul 41 Bis andava chiarito"

Scritto da Giovanna Maggiani Chelli
Martedì 27 Settembre 2011

Il 28 marzo scorso abbiamo espresso le nostre perplessità sulla nomina del MinistroSaverio Romano. Oggi la bagarre in atto all’interno del Parlamento, ci dice che forse avevamo ragione. Il “41 bis” nel 2002 al momento di renderlo definivo, aveva incontrato il no deciso dell’attuale Ministro dell’Agricoltura e il punto andava chiarito bene , molto bene prima di una nomina tanto importante, visto che le motivazioni di una scelta così grave verso il “41 bis” definitivo da parte del Ministro stesso, continuavano a rimanere ai nostri occhi, non certo comprensibili né tanto meno giustificabili. Del resto noi come potremmo essere criticati davanti alle nostre perplessità sull’annullamento del carcere duro visto che per l’annullamento del “41 bis” ai mafiosi come Riina e altri capi mafia, avevamo visto morire i nostri figli? Ripetiamo andava chiarito tutto molto bene su quell’episodio del 2002 relativo al “41 bis” definitivo per i mafiosi rei di strage e alla posizione del Sen. Saverio Romano, prima di tutto proprio per lui stesso ci mancherebbe altro e poi anche per noi che per il “41 bis” ai mafiosi rei di strage ormai ne abbiamo fatto una battaglia di vita. Del resto tutto ciò che stà accadendo intorno al “41 bis” in questi ultimi tempi ci inquieta non poco, come per esempio:
1) incontri istituzionali sul tema alla Galleria Alberto Sordi;
2) mafiosi del calibro di Provenzano e Antonino Santapaola che fanno chiedere per loro conto a gran voce, addirittura arresti domiciliari , con la scusante delle gravi malattie che avrebbero riportate durante la detenzione ;
3) recensioni di libri autorevoli sul “41 bis” e articoli di testate nazionali che paiono un sonetto che recita così: il “41 bis” contro la mafia non serve a nulla, ci vuole ben altro.
E noi ribattiamo in merito, sarà anche così , ma per conto dell’annullamento del “41 bis” la mafia ha fatto stragi terroristiche ed eversive, meglio sarebbe non scordarlo da parte di nessuno.
Insomma tutto fa apparire ai nostri occhi e attenti orecchi, che la difesa d’ufficio per arrivare all’annullamento del “41 bis” sia una delle cose più importanti in questo momento nel nostro Paese , anche se portata avanti con grande discrezione e quasi con sotterfugio. Oseremo dire con una manovra oscura per i più. Quindi sorge spontanea la domanda: se la mafia non si vedrà abolito il “41 bis” da qui a breve, cosa succederà?
Ci piacerebbe tanto capirlo anche per individuare da quale parte stanno gli stragisti che hanno operato con la mafia il 27 maggio 1993 in via dei Georgofili a Firenze e potendo evitare che il delitto si reiteri.
Cordiali saluti
Giovanna Maggiani Chelli
Presidente
Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili
fonte: http://www.19luglio1992.org/
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...