13 aprile 2012

Un codice etico per il Comune di Milazzo: la proposta di Libera agli amministratori comunali


Giovedì 12 Aprile 2012

Un codice etico per gli amministratori locali, in nome dei principi di trasparenza e legalità. Un documento “nuovo” scritto da chi opera nella pubblica amministrazione (voluto da Avviso Pubblico, associazione nata nel 1996 con l’intento di collegare ed organizzare gli Amministratori pubblici che concretamente si impegnano a promuovere la cultura della legalità democratica nella politica, nella Pubblica Amministrazione e sui territori da essi governati) a tutela del loro agire politico e a garanzia dei cittadini: questo è la “Carta di Pisa”.

Questa mattina il locale presidio di Libera, intitolato alla testimone di giustizia Rita Atria, ha proposto all’amministrazione comunale di Milazzo di aderire formalmente a tale codice. Alla conferenza stampa, tenutasi all’interno dell’aula consiliare di Palazzo delle Aquile, erano presenti il sindaco Carmelo Pino e alcuni rappresentanti della Giunta e del Consiglio Comunale.

I referenti del presidio hanno presentato le linee generali del documento, sottolineandone i passaggi più salienti. La Carta chiede una presa di responsabilità chiara su alcuni nodi problematici che rischiano di inficiare la credibilità di una amministrazione e generano, se perpetrati, pesanti storture all’interno del sistema gestionale di un Ente. Viene chiesto un impegno serio e formale su temi come il clientelismo, il conflitto di interessi, il cumulo delle cariche, le pressioni indebite, la trasparenza, i rapporti con la stampa, i cittadini e la giustizia.

L’unico assessore presente al dibattitto, Massimo D’Amore, ha sottolineato come lo stesso rigore che viene richiesto ai politici dovrebbe essere preteso da funzionari e burocrati che spesso costituiscono “il vero cancro” delle pubbliche amministrazioni. Lo stesso si è comunque detto disponibile ad accogliere il contenuto della Carta.

Interventi anche da parte dei consiglieri Messina e Scicolone, anch’essi favorevoli ad impegnarsi al rispetto delle norme del codice.

La “palla” passa ora all’amministrazione che dovrà scegliere se e come aderire al documento, rendendo pubblica la decisione. La Carta, infatti, prevede la possibilità di condividerne il testo secondo differenti modalità, o tramite atto del sindaco, o tramite delibera (di Giunta o di Consiglio) oppure, il documento può essere pubblicamente sottoscritto dai singoli amministratori.

Se il Comune di Milazzo aderisse alla Carta di Pisa, si tratterebbe del secondo comune siciliano, dopo Vittoria (RG).



fonte:
http://www.lacittadimilazzo.it/
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.