4 gennaio 2013

Trattativa, l'anonimo è un carabiniere: "Le carte di Riina nascoste in caserma"

Totò Riina
L'inchiesta sui pm spiati e sui documenti del boss fatti sparire. La procura chiede i nomi di chi partecipò alla cattura. Le altre verità del protocollo fantasma al vaglio della magistratura. Ingroia: "Sì, avevo la sensazione di essere controllato" 

di SALVO PALAZZOLO 4 gennaio 2013 

PALERMO 

Da alcune settimane, i magistrati che indagano sulla trattativa fra mafia e Stato hanno riaperto in gran segreto uno dei capitoli più travagliati dell'antimafia, la cattura del capo dei capi Totò Riina. Vent'anni dopo, si fa avanti tutta un'altra storia rispetto alla versione ufficiale sempre ribadita dai vertici del Ros: "Il covo del latitante fu subito perquisito e l'archivio del capomafia venne inizialmente nascosto in una caserma dei carabinieri", questo scrive l'anonimo ben informato che a fine settembre ha messo in allerta il sostituto procuratore Nino Di Matteo e i suoi colleghi del pool. In dodici pagine, anticipate ieri da Repubblica, c'è una verità che presto potrebbe riscrivere la storia della trattativa fra le stragi del '92-'93: poche ore dopo l'arresto di Riina, scattato in una delle piazze più note di Palermo, i carabinieri del Ros avrebbero perquisito la villa[foto] covo del boss senza avvertire i magistrati, portando via le carte del capo di Cosa nostra. "Si tratta di carte scabrose", spiega adesso l'anonimo autore, che dice di essere stato testimone diretto di quei giorni del gennaio '93: indica una caserma del centro dove sarebbe stato nascosto l'archivio di Riina. E poi traccia addirittura il percorso preciso per arrivare a una stanza in particolare. "Ma lì le carte sono rimaste poco, poi sono state portate via", aggiunge. Dove, è un mistero. Una cosa, però, è certa: scorrendo quelle 12 pagine - suddivise in 24 punti - sembra emergere che il misterioso autore dell'anonimo è stato lui stesso un carabiniere, probabilmente un sottufficiale dei reparti territoriali o del Ros, perché indica con precisione nomi, cognomi e addirittura soprannomi dei militari e degli ufficiali che avrebbero partecipato a vario titolo alle indagini per l'arresto di Totò Riina. E adesso i magistrati di Palermo hanno chiesto ai funzionari della Dia di identificare tutti i carabinieri citati. Sono una trentina. Presto, potrebbero essere ascoltati uno dopo l'altro dai magistrati. Al momento, le 12 pagine sono conservate nel cosiddetto "registro 46" della procura di Palermo, quello che custodisce gli anonimi. Il procuratore aggiunto Vittorio Teresi, che coordina l'inchiesta sulla trattativa, si limita a dire: "Abbiamo delegato accertamenti alla polizia giudiziaria". Il procuratore Francesco Messineo aggiunge: "Su alcuni fatti, l'anonimo fornisce dettagli inediti. Stiamo cercando i riscontri". I magistrati non escludono neanche l'ipotesi che dietro l'anonimo ci possano essere più persone, magari ex appartenenti a uno stesso reparto.
Dell'anonimo si occupano pure i magistrati della procura di Caltanissetta, che hanno aperto ufficialmente un'inchiesta dopo avere ricevuto una "comunicazione" dai colleghi palermitani. E non solo per il riferimento all'agenda rossa del giudice Borsellino ("È stata portata via da un carabiniere"), ma anche per le parole inquietanti sui magistrati di Palermo ("Siete spiati da qualcuno che canalizza verso Roma le informazioni che carpiscono sul vostro conto"). Dal Guatemala, l'ex procuratore Antonio Ingroia fa sapere: "In effetti, negli ultimi tempi ho avuto la sensazione netta di essere controllato, proprio per le mie indagini". Nella lettera non si parla solo di magistrati spiati, ma anche di "un magistrato della procura" di cui i pm della trattativa "non dovrebbero fidarsi". È un altro mistero intorno a questa lettera senza firma. L'anonimo autore poi lancia la sua ultima certezza: "La trattativa con la mafia c'è stata ed è tuttora in corso". Ecco perché tanta attenzione sui magistrati. Lui, l'uomo del mistero, suggerisce che nel torbido dialogo fra Stato e mafia potrebbero essere coinvolti anche altri politici della prima repubblica, oltre Mancino, Dell'Utri e Mannino. Sono otto i nomi adesso al vaglio della procura.

Attilio Bolzoni a RaiNews parla del "corvo" Un anonimo avverte i pm di Palermo "siete spiati", ma da chi? Elena Scotoni intervista uno dei giornalisti di Repubblica che hanno pubblicato la lettera anonima
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.