3 maggio 2013

La straggi di Purtedda di la Jnestra di Ignazio Buttitta - Foto Portella della Ginestra 01/05/2013

Era il 1 maggio 1947 e a Portella della Ginestra, altopiano di Piana degli Albanesi (Pa), si consumava la prima strage dell’Italia Repubblicana. Sangue e terrore sulla collina, un bilancio pesante: 11 morti e 27 feriti. Il colpevole “ufficiale” è Salvatore Giuliano, ancora lui, il bandito, un eroe per alcuni un criminale per altri. Colui che ha sovvertito tutte le regole. Fu una strage “politica” per fermare la lotta al latifondo sviluppata in quegli anni dal movimento sindacale, anche attraverso l’occupazione delle terre. Ignazio Buttitta, poeta bagherese convinto della forza della cultura popolare, dedicherà all’argomento un dramma in quattro atti ritrovato, nel 2010, nell’Archivio storico delle Edizioni “Avanti!”, presso l'Istituto Ernesto de Martino e pubblicato dalla Fondazione Ignazio Buttitta e dall’IEdM. In un componimento, “La straggi di Purtedda di la jnestra”, il Poeta utilizza un ottonario convulso e incisivo che bene rende i momenti di orrore, dolore, confusione, panico, rabbia. Ricordare quel drammatico episodio riproponendo questi versi ci sembra il modo migliore per non dimenticare, ma anche per denunciare i problemi attuali, figli di una profonda crisi economica e culturale, che rischiano di rimettere in discussione il diritto al lavoro e le conquiste ottenute faticosamente attraverso le lotte operaie e contadine. I luoghi della protesta e della lotta per i propri diritti diventano il simbolo del sentimento vitale anche quando coperti dai rivoli di sangue. La libertà, il lavoro, la giustizia sociale risuonano su quell'altopiano siciliano che in questo periodo le ginestre in fiore colorano di giallo.

Nni lu chianu di Purtedda, chiusu ammenzu a ddu’ muntagni,c’è ‘na petra supra l’erba, pi ricordu a li cumpagni. All’additta, nni ’sta petra, a lu tempu di li fasci, un apostulu parrava, pi lu beni di cu nasci. Era Nicola Barbatu, lu medicu socialista di Chiana di Greci….. A lu primu d’ogni maju, nni da petra c’è raduni: ddu’ paroli pi spiranza, pi cunzolu a li diuni. E cu chiddi di la Chiana, cu li robbi di vellutu, li fidili di luntanu, vennu a còmpiri lu vutu. C’era fudda dda matina lu sapeva Giulianu; ma la folla ‘un lu sapeva e ballava nni ddu chianu. Cu cantava, cu sunava, cu accurdava li canzuni e li tavuli cunsati di simenza e di turruni. Picciriddi addummisciuti nni lu pettu di li matri picciriddi ncavuseddu nni li spaddi di li patri. Scecchi e muli senza sedda, attaccati a li carretti, e li cani scapulati ‘mmenzu a robbi e bicicletti. E li matri cu lu ciatu, cu lu ciatu senza ciatu: figghiu miu!, e corpu e razza, comu ghiòmmaru aggruppatu. Supra l’àutu li briganti di li petri arriparati, non allentanu lu focu: bummi a manu e mitragghiati! C’è cu cadi e nun si susi chiudi l’occhi e resta mortu cu si mangia a muzzicuna petri ed erba e quagghia tortu. C’è cu curri e si lamenta cu li mani a la firita, e cu strica terra terra cu lu mussu nni la crita. Ogni zuccu ed ogni petra un riparu a li pirsuni, e li vanchi e li carretti ‘na trincera, un bastiuni. Scecchi e muli pi ddu chianu ca rumpèru li capizzi, cu li cani pi d’arreri abbaiannu scantatizzi. Dopu un quartu di ddu focu: vita, morti e passioni; li banditi si nni jeru senza cchiù munizioni. Foru centu li firuti li calaru a lu paisi nni li spaddi li cchiù granni, li cchiu nichi ‘n brazza misi. E li morti foru vinti, vinti morti a la Purtedda: comu pecuri e crapetti, ammazzati supra l’erba. Quannu vinni l’oraturi acchianò supra dda petra e la fudda: viva! viva! comu terra chi si spetra. L’oraturi di ddu jornu era Jacupu Schirò dissi appena ddu paroli e la lingua cci siccò! Di lu munti La Pizzuta, ch’è rimpettu di lu chianu spara, supra di la fudda cu la banda, Giulianu. A tappitu ed a ventagghiu mitragghiavanu li genti; comu fàuci ca mèti cu lu focu nni li denti. Spavintati pi ddu chianu scappa ognuno e ‘un sapi unni lu marusu cristianu jetta focu e grapi l’unni. C’è cu chiama, c’è cu cerca, c’è cu chianci e grida aiutu! cu li vrazzi jsati all’aria, pi difisa, comu scutu. Supra l’erba li chiangeru figghi e matri scunsulati: cu li lacrimi li facci cci lavavanu a vasati! Epifania Barbatu, a lu figghiu mortu ‘n terra cci diceva: « A li poveri puru ccà cci fannu guerra!».‘Na picciotta cuntadina cu lu figghiu nni li vrazza: «A sett’anni t’ammazzaru, figghiu miu! Diventu pazza!». Pi discriviri ’sta straggi Cci vulissi un rumanzeri: ’sta chitarra ‘un sapi chianciri malidittu ’stu misteri! Margherita la Clisceri, ch’era dda cu cincu figghi, arristò cu l’occhi aperti abbrazzata a tutti e cincu! Nni li vrazza di la morta un sigghiuzzu di ‘nnucenti: lu cchiù nicu, ntra la panza, chiangi sulu e non si senti! Si ddu jti a la Purtedda, ascutati chi vi dicu: nni la panza di so matri chianci ancora lu cchiù nicu! E li morti sunnu vivi, li tuccati cu li manu: cu murìu a la Purtedda fu la mafia e fu Giulianu!

Ignazio Buttitta  - La straggi di Purtedda di la Jnestra
clicca le foto per ingrandire

Portella della Ginestra 01/05/2013
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...