20 marzo 2014

Prefetto Stefano Trotta, il Consiglio Comunale di Milazzo è stato o è tutt’ora oggetto di 'condizionamenti mafiosi'?

Il Prefetto Stefano Trotta
Prefetto Stefano Trotta, il Consiglio Comunale di Milazzo è stato o è tutt’ora oggetto di 'condizionamenti'? 

di Beatrice Pieri - novembre 2012 

Nessuno vede, nessuno sa… 

Santo Napoli, a diffe­renza di Rosario Catta­fi (cui è legato) non è “il boss dei boss” ma semplicemente un per­sonaggio “di rispetto”, del messi­nese. Co­nosciuto da tutti. Ep­pure nessuna autorità s’era mai ac­corta di lui…
Santino Napoli
La sua amicizia con Rosario Pio Cat­tafi , l’avvocato barcellonese arre­stato nel­lo scorso Luglio nell’operazio­ne antima­fia “Gotha 3” e sottoposto al regime del carcere duro ex 41 bis, im­plicato nella trattativa Stato-Mafia, ri­sale, come dice lui, a quando erano ra­gazzi. Ma anche i suoi contatti e gli in­contri con il Cattafi sono proseguiti fino a qual­che mese fa. È tutto scritto in verbali delle forze dell’ordine fin dal 2000 con audizioni di un ex consigliere comunale di Milazzo (Messina) e di un ex Sindaco; è scritto in relazioni della polizia di Stato di Milazzo che lo definisce “anello politico di con­giunzione fra il mondo politico e la cri­minalità organizzata”; è scritto nei verba­li delle dichiarazioni del pentito Bisogna­no che lo definisce “persona di fiducia di Di Salvo Salvatore, Rao Giovanni e Mer­lino Antonino”, tutti pregiudicati per ma­fia

E’ documentato dai ROS dei CC come i due” amici d’infanzia” si incon­trassero circospetti e più volte, presso i locali di un noto negozio di abbigliamen­to del centro di Milazzo, per poi uscirne senza aver acquistato nulla; e perfino la Com­missione Parlamentare Antimafia si è oc­cupata di lui nella relazione di minoran­za del 2006, definendolo “auto­revole re­ferente del clan barcellonese nella città di Milazzo” e controllore di “rilevanti attivit­à economiche anche at­traverso il fi­glio”. Queste e tante altre relazioni giacciono dal 2000 in chissà quali cassetti negli uf­fici giudiziari della provincia di Messina. 

Ma di chi stiamo parlando? Di tale Santo Napoli, detto Santino, professione, infermiere presso l’ospedale di Milazzo(ME): ma allora perché l’asso­ciazione Antimafie “Rita Atria” si è oc­cupata di lui nelle scorse settimane? 

Per­ché Santo Napoli non è persona co­mune ma è consigliere comunale di Mi­lazzo da più di 12 anni ininterrottamente e, per sovrapprezzo, nella attuale legisla­tura ri­veste la carica di vice presidente del con­siglio comunale. E dove ha preso i dati l’associazione? Su internet: decine di blog e siti li pub­blicano da anni; sono, quindi, pubblici e nessuno se ne occupa.
Santino Napoli a destra con il consigliere Alessandro Busacca
Per questo l’associazione Antimafia “Rita Atria” ha chiesto al Prefetto di Messina e al Capo della Procura della Repubblica di Barcellona, il primo inse­diatosi da qualche giorno e il secondo operante dal 2008, di accertare se ci sia­no stati “eventuali condizionamenti della criminalità organizzata sulle attività poli­tiche del consigliere Santo Napoli e, nel­lo specifico, di verificare se il Consiglio Comunale di Milazzo è stato, o è tutt’ora, oggetto di tali condizionamenti”. Un do­vere per una associazione anti­mafie; un dovere per gli organi dello Sta­to verifica­re. [fonte]
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...