27 aprile 2014

Barcellona Pozzo di Gotto: il TAR annulla la delibera del 2009 sul Parco Commerciale riconducibile all’avv. Saro Cattafi boss al 41bis




26/04/2014 

Questa Associazione apprende con grande soddisfazione la notizia che il Tar ha annullato la delibera del 2009 del Consiglio Comunale di Barcellona Pozzo di Gotto istitutiva del Parco commerciale. Questa sentenza conferma la bontà dell’impianto dell’esposto che il 4/01/ 2011 fu presentato dall’Associazione Antimafie “Rita Atria” e dalla associazione “Città Aperta” al Prefetto di Messina e alla Procura della Repubblica di Barcellona P.G.. 

L’anomalia riscontrata dal Tribunale amministrativo è, infatti, solo una della tante anomalie presenti in quell’esposto e per il quale ben 15 imputati dovranno rispondere penalmente nel processo che verrà celebrato presso il tribunale della città del Longano a partire dal prossimo 2 maggio. 

Tuttavia questa notizia ci impone la seguente riflessione: Quando la magistratura, sia essa amministrativa, contabile o penale, arriva prima della politica per affermare la legalità è una sconfitta della politica stessa e, quindi, dei cittadini. Qualche mese fa l’Associazione Antimafie “Rita Atria”, l’associazione “Città Aperta” insieme ad altre trenta associazioni varie chiesero al Consiglio Comunale di Barcellona P.G. non solo di revocare quella delibera organo competente per farlo, ma di prenderne le distanze solennemente in quanto quell’operazione era finalizzata all’interesse della criminalità organizzata. Non c’è stata risposta. Perché non c’è alcun dubbio, anche alla luce di questa sentenza del Tar ,che quella operazione fosse finalizzata agli interessi di “Cosa Nostra” barcellonese

A coloro i quali in queste ore si affannano a dire che questa sentenza dimostra che la mafia non c’entra ma che si tratta solo di una violazione amministrativa diciamo: a) Il Tar è un tribunale amministrativo e, in quanto tale, si occupa solo di reati amministrativi; b) Il “padre” di quella operazione ha un nome e un cognome ben definito: Rosario Pio Cattafi ,ed è inconfutabile che oltre al suo “glorioso” passato ampiamente conosciuto, in atto, questo signore, si trovi rinchiuso in regime di carcere duro ex 41bis ed è stato di recente condannato in primo grado a 12 anni per associazione mafiosa. c) E che sia lui il padre di quella operazione è provato non solo dalle “carte” ma anche dal fatto che il Cattafi ha citato in giudizio il giornalista Antonio Mazzeo , che fu il primo con i suoi articoli a “svelare” l’affaire Parco Commerciale, accusandolo, di fatto, di avergli fatto fallire quell’affare e chiedendogli un risarcimento di due milioni di euro. 

Giova anche ricordare che questa associazione nel dicembre del 2010 ebbe modo di spiegare in un convegno pubblico a Barcellona Pozzo di Gotto alla presenza anche di consiglieri comunali dell’epoca, con l’esauriente relazione dell’allora membro del direttivo nazionale dell’associazione Santa Mondello, tutti i passaggi anomali di questa vicenda, anche quelli amministrativi, facendo presente che non esistono coincidenze o errori umani quando c’è di mezzo la mafia ma , anzi, quelli che sembrano “errori” non sono altro che mezzi per accelerare le procedure illegali sottraendole ai controlli previsti dalla legge. La conferma di tutto ciò sta nel capo d’imputazione dei 15 imputati, fra cui il Cattafi, al processo del prossimo 2 maggio laddove i magistrati sostengono che il consiglio Comunale, sul parco commerciale, fu “tratto in inganno”. 

Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.




...