8 maggio 2015

Messina. Operazione Gotha 5 sulle "giovani leve" criminali a BarcellonaPG e Mazzarrà Sant'Andrea

di Nuccio Anselmo 8 maggio 2015 Gazzetta del Sud

Nuova mafia, il Riesame conferma le accuse. Restano tutti dentro ad eccezione di Andrea Italiano, per il quale i giudici hanno annullato l'ordinanza.

Accuse confermate quasi integralmente. Un solo caso di annullamento totale dell'ordinanza di custodia cautelare, e anche quattro affievolimenti dell'accusa iniziale rispetto all'aggravante mafiosa. Ecco in sintesi il response del Tribunale della Libertà per l'operazione antimafia "Gotha 5", depositato nella tarda mattinata di ieri dal collegio peloritano presieduto dal giudice Antonino Genovese. 

Sono indagate in quests quinta puntata della "Gotha" le nuove leve della famiglia mafiosa di Barcellona e di Mazzarrà Sant'Andrea, cresciute al1'ombra dei capo storici, ormai tutti ristretti al 41 bis". 

Il dettaglio. 
L'unico degli indagati che ha registrato l'annullamento totale dell'ordinanza di custodia cautelare é stato Salvatore Italiano, per il quale i giudici hanno valutato l'attività difensiva effettuata dal suo legale, 1'avvocato Tommaso Calderone. con una nuova trascrizione di alcuni dialoghi captati dagli in- vestigatori. Il punto centrale era infatti legato ad un'intercettazione in cui - é emerso nel corso del confronto accusa-difesa davanti al Riesame - , non veniva pronunciato il suo nome, come invece in un primo tempo si era prospettato. 

Italiano esce quindi dal carcere e torna agli arresti domiciliari, misura restrittiva che lo vede coinvolto nella precedente operazione Gotha 4. Altri quattro indagati hanno poi registrato degli affievolimenti parziali del quadro accusatorio iniziale, con l'esclusione de11' aggravante mafiosa in relazione ad alcune contestazioni specifiche. 

Si tratta di Bartolo DAmico, Alessio Alesci, Marco Chiofalo e Giuseppe Ofria. In relazione a quest' u1timo 1'esc1usione de11' aggravante prevista da11' art. 7 della legge 203/91 riguarda solo l' episo- dio della cosiddetta spedizione punitiva per i fatti di droga, mentre rimane in piedi per i fatti della discoteca. 

Nei confronti dei quattro rimangono in piedi tutte le altre accuse. Considerato poi che Agostino Campisi non aveva presentato ricorso davanti al Riesame, e la posizione di Orazio Salvo é stata ieri stralciata, per tutti gli altri indagati dell'inchiesta si conferma quindi la permanenza in carcere con un quadro complessivo di accuse confermato integralmente, eccezion fatta per l'esclusione in quattro casi dell'aggravante mafiosa di cui si diceva prima. 

Quindi rimangono in carcere Agostino Campisi, Alessio Alesci, Angelo Bucolo, Giuseppe Cammisa, Marco Chiofalo, Bartolo D'Amico, Miloud Essaoula, Antonino Genovese, Franco Munafò, Giuseppe Ofria, Mario Panté, Giovanni Pino, Giuseppe Reale, Sebastiano Torre, Antonino Calderone, Tindaro Calabrese, Salvatore Calcò Labruzzo, Carmelo Crisafulli, Filippo Munafo e Maurizio Trifirò.

Al1'udienza precedente i sostituti della Dda Vito Di Giorgio e Angelo Cavallo, i magistrati che hanno lavorato a questa ultimo inchiesta con i carabinieri e la polizia, avevano depositato alcuni verbali delle Vittime del racket in cui raccontavano di aver pagato il pizzo, e anche alcuni verbali inediti del pentito Nunziato Siracusa. 

Avevano depositato anche una nuova informativa del commissariato di polizia di BarcellonaPG, che tra 1'a1tro ha certificato con alcune conversazioni intercettate un nuovo caso di estorsione ai danni di un imprenditore edile. Nel corso del confronto accusa-difesa davanti ai giudici del Riesame sono intervenuti gli avvocati Giuseppe Lo Presti, Tommaso Calderone, Tommaso Autry Ryolo, Tino Celi, Nino Aloisio, Maurizio Crimi e Rocco Bruzzese.
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.