19 aprile 2018

Messina Denaro, l'intercettazione choc: "Ha sciolto quello nell'acido? Ha fatto bene..." - L'INCHIESTA: Cattura Messina Denaro, si stringe il cerchio: 21 arresti a Trapani. I nomi


19 aprile 2018

"Allora ha sciolto a quello nell'acido, non ha fatto bene? Ha fatto bene". Parla, non sapendo di essere intercettato, uno dei mafiosi fermati dalla dda di Palermo nel blitz di oggi che ha portato in cella 22 tra boss e favoreggiatori del clan di Matteo Messina Denaro. Il drammatico riferimento è alla vicenda del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino, rapito, tenuto sotto sequestro per 779 giorni, ucciso e sciolto nell'acido per indurre il padre a ritrattare. La conversazione è del 19 novembre del 2017. "Se la stirpe è quella... suo padre perché ha cantato?", conviene l'interlocutore. Il mafioso rincara la dose, esaltando la decisione di Riina di eliminare il bambino di soli 13 anni come giusta ritorsione rispetto al pentimento del padre, colpevole di avere danneggiato Cosa nostra. "Ha rovinato mezza Palermo quello... allora perfetto". Il bambino è giusto che non si tocca - aggiunge l'altro - però aspetta un minuto ... perché se no a due giorni lo poteva sciogliere ... settecento giorni sono due anni ... tu perché non ritrattavi tutte cose? se tenevi a tuo figlio, allora sei tu che non ci tenevi". "Giusto! perfetto!...e allora ... fuori dai coglioni - gli fa eco l'altro - dice: 'io sono in una zona segreta, sono protetto, non mi possono fare niente'...si a te... però ricordati coglione che una persona la puoi ammazzare una volta, ma la puoi far soffrire un mare di volte". [link]

Cattura Messina Denaro, si stringe il cerchio: 21 arresti a Trapani Si fa sempre più stretto il cerchio attorno al boss latitante Matteo Messina Denaro. Questa notte un’operazione congiunta di Carabinieri, Polizia e Dia, denominata “Anno Zero”, ha portato al fermo di 21 persone su disposizione dei magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Palermo. Il ventiduesimo provvedimento riguarda proprio la primula rossa, ricercata dal 1993, e al momento resta ineseguito. Le accuse nei confronti degli indagati sono, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, danneggiamento, detenzione di armi e intestazione fittizia di beni. Tutti reati aggravati dalle modalità mafiose. Ciò che è emerso dalle indagini, coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido (assieme a loro un nuovo pool di pm composto da Claudio Camilleri, Gianluca De Leo, Francesca Dessì, Geri Ferrara, Carlo Marzella e Alessia Sinatra) hanno dimostrato come la rete di protezione del boss sia fortemente condizionata dai legami di sangue. E’ tra i parenti, infatti, che Messina Denaro sceglie gli uomini chiave a cui affidare la gestione degli affari e delle attività illecite. In questi anni il dato è emerso con evidenza tanto che al vertice delle cosche hanno avuto un ruolo chiave il cognato del capomafia Filippo Guttadauro, poi il fratello Salvatore Messina Denaro, quindi il cognato Vincenzo Panicola e il cugino Giovanni Filardo. E ancora il cugino acquisito Lorenzo Cimarosa, poi pentitosi, la sorella Patrizia Messina Denaro, i nipoti Francesco Guttadauro e Luca Bellomo. Oggi si conferma la scelta "familistica" del boss ed emerge il ruolo di protagonista in tutte le dinamiche mafiose sul territorio di due cognati del latitante che sono tra i fermati. Tra gli arrestati odierni vi sono i cognati del capomafia, Gaspare Como e Saro Allegra, i mariti di Bice e Giovanna Messina Denaro. Allegra avrebbe fatto da tramite con un imprenditore del settore delle scommesse on line arrestato con l’accusa di avere finanziato la cosca di Castelvetrano. L’inchiesta ha permesso di individuare la nuova rete utilizzata dal capo di Cosa nostra per lo smistamento dei 'pizzini' con i quali dava le disposizioni agli affiliati. 

Rischio di una nuova guerra 
Che all’interno di Cosa nostra, dopo la morte di Riina, vi sia un certo fermento, viene segnalato da tempo dagli inquirenti. Le indagini hanno fatto emergere come le fibrillazioni riguardino anche i clan trapanesi. E proprio il rischio dello scoppio di una nuova guerra di mafia ha indotto la Dda di Palermo a disporre il fermo odierno. Lo scorso 6 luglio è stato ucciso Giuseppe Marcianò, genero del boss di Mazara del Vallo, Pino Burzotta ed esponente della "famiglia" di Campobello di Mazara. Il contesto in cui è maturato il delitto ricostruito dagli inquirenti ha svelato una guerra in corso tra la famiglia di Campobello di Mazara e quella di Castelvetrano. "A partire dal 2015, - si legge nel provvedimento della Dda - si registra un lento progetto di espansione territoriale da parte della famiglia mafiosa di Campobello di Mazara, che ha riguardato anche il territorio di Castelvetrano, divenuto 'vulnerabile' a causa, per un verso, della mancanza su quel territorio di soggetti mafiosi di rango in libertà, e, per altro, dalla scelta di Messina Denaro che, nonostante gli arresti dei suoi uomini di fiducia e dei suoi più stretti familiari, non ha autorizzato omicidi e azioni violente, come invece auspicato da buona parte del popolo mafioso di quei territori". Proprio Marcianò si era molto lamentato del comportamento del latitante. "Da tale pericolosissimo contesto (certamente idoneo, come la tragica storia di Cosa Nostra insegna, a scatenare reazioni cruente contrapposte, e quindi dare il via ad una lunga scia di sangue) - scrivono i pm - in uno col pericolo di fuga manifestato da alcuni indagati, si è imposta la necessità dell'adozione del fermo". 

Messina Denaro come padre Pio 
Nelle intercettazioni registrate si conferma anche una sorta di venerazione da parte degli affiliati nei confronti del superlatitante, tanto da paragonare i Messina Denaro a Padre Pio. "Vedi, una statua gli devono fare... una statua... una statua allo zio Ciccio che vale. Padre Pio ci devono mettere allo zio Ciccio e a quello accanto... Quelli sono i Santi" diceva uno dei mafiosi fermati. A marzo scorso parlavano, non sapendo di essere intercettati, di Matteo Messina Denaro e del padre Francesco, capomafia di Castelvetrano morto nel 1998. Don Ciccio e il figlio vengono accostati dai due interlocutori, uno dei quali cognato del boss ricercato, ai santi e a padre Pio, e vengono idolatratati: "Io ho le mie vedute... che c… vuoi?", prosegue uno dei due. "Significa essere colpevole? Arrestami. Che spacchiu (cavolo ndr) hai? Che fa? non posso dire quello che penso?". "E' potuto essere stragista... cosa minchia sia a me… le cose giuste", spiega uno dei due che fa un paragone tra i boss alla classe politica. "Voialtri tanto mangiate. State facendo diventare un paese... l'Italia è uno stivale pieno di merda... uno stivale pieno di merda... le persone sono scontente… questo voi fate… e… glielo posso dire? Arrestami... che minchia vuoi?". 

L’elogio a Riina per il “bimbo sciolto nell’acido” 
Ma c’è anche dell’altro nelle registrazioni captate dagli inquirenti. Particolarmente macabro ed inquietante il riferimento al piccolo Giuseppe Di Matteo, il bambino figlio del pentito Mario Santo, sciolto nell’acido dopo un sequestro di 779 giorni per indurre il padre a ritrattare le proprie dichiarazioni. “Allora ha sciolto a quello nell'acido, non ha fatto bene? Ha fatto bene" dice uno dei mafiosi il 19 novembre del 2017. "Se la stirpe è quella... suo padre perché ha cantato?", conviene l'interlocutore. Il mafioso rincara la dose, esaltando la decisione di Riina di eliminare il bambino di soli 13 anni come giusta ritorsione rispetto al pentimento del padre, colpevole di avere danneggiato Cosa nostra. "Ha rovinato mezza Palermo quello... allora perfetto". "Il bambino è giusto che non si tocca - aggiunge l'altro - però aspetta un minuto ... perché se no a due giorni lo poteva sciogliere ... settecento giorni sono due anni ... tu perché non ritrattavi tutte cose? se tenevi a tuo figlio, allora sei tu che non ci tenevi". "Giusto! perfetto!...e allora ... fuori dai coglioni - gli fa eco l'altro - dice: 'io sono in una zona segreta, sono protetto, non mi possono fare niente'...si a te... però ricordati coglione che una persona la puoi ammazzare una volta, ma la puoi far soffrire un mare di volte". 

Messina Denaro e la Sicilia 
Nella ricerca del boss di Castelvetrano sono impegnati i poliziotti del Servizio centrale operativo della polizia, le squadre mobili di Palermo e Trapani, i carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, gli uomini della Direzione investigativa antimafia di Trapani. Un dato importante che emerge dall’inchiesta è la presenza in Sicilia del latitante. Vi è un'intercettazione che coinvolgeva i boss di Marsala in cui si dice: "Iddu si trova in zona”. Ed è da qui che si riparte nella caccia al boss. [link]

I nomi dei destinatari del provvedimento di fermo: - Matteo Messina Denaro, cl. 1962 - Nicola Accardo, cl. 1965, capo della famiglia mafiosa di Partanna - Gaspare Como, cl. 1968, capo del mandamento mafioso di Castelvetrano - Vincenzo La Cascia, cl. 1948, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Dario Messina, cl. 1984, reggente del mandamento mafioso di Mazara del Vallo - Raffaele Urso, detto Cinuzzo, cl. 1959, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Rosario Allegra, detto Saro, cl. 1953, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Vito Bono, cl. 1959, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Marco Buffa, cl. 1973, famiglia mafiosa di Mazara del Vallo - Filippo Dell'Aquila, cl. 1964, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Mario Tripoli, cl, 1972, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Bruno Giacalone, cl. 1961, famiglia mafiosa di Mazara del Vallo - Angelo Greco, cl. 1969, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Calogero Guarino, cl. 1969, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Giovanni Mattarella, cl. 1966, famiglia mafiosa di Mazara del Vallo - Leonardo Milazzo, cl. 1978, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Giuseppe Paolo Bongiorno, cl. 1988, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Vittorio Signorello, cl. 1962, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Giuseppe Tilotta, cl. 1962, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Antonino Triolo, cl. 1970, famiglia mafiosa di Castelvetrano - Andrea valenti, cl. 1952, famiglia mafiosa di Campobello di Mazara - Carlo Cattaneo, cl. 1985
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.