8 maggio 2018

A Messina è operante e fa affari una cellula della famiglia dei Santapaola. Chiusa l’inchiesta per 50 indagati



7 maggio 2018

A Messina è operante e fa affari una cellula della famiglia dei Santapaola. E’ quanto emerge dall’operazione Beta, l’indagine a suo tempo coordinata dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita, che aveva apportato in carcere nell’agosto del 2017 trenta persone. Una vera e propria struttura sovraordinata ai gruppi mafiosi operanti nella provincia, che si avvaleva di professionisti, imprenditori e funzionari pubblici per gestire rilevanti attività economiche. In questi mesi la Procura di Messina ha continuato ad indagare e lo scorso mese è stato notificato l’atto di chiusura delle indagini preliminari che hanno coinvolto imprenditori e “colletti bianchi”, a vario titolo integrati nell’organizzazione mafiosa. 

L’atto è siglato dai sostituti della Dda Liliana Todaro e Fabrizio Monaco, e dal collega della procura ordinaria Antonio Carchietti.
Cinquanta gli indagati coinvolti. Tra loro vi è il nipote del boss Nitto Santapaola, Vincenzo Romeo (figlio di Concetta Santapaola). Dalle indagini emergerebbero anche importanti legami tra Cosa nostra e le altre organizzazioni criminali (‘Ndrangheta e Sacra corona unita), 

imprenditori, funzionari e anche con esponenti delle forze dell'ordine. 

Secondo gli investigatori Vincenzo Romeo “può intestarsi il titolo di rappresentante della nuova mafia”. Ma nell’elenco degli indagati appare tutta la famiglia Romeo: il padre, Francesco, e i fratelli di Vincenzo, Pasquale, Benedetto e Gianluca. Ma ci sono anche avvocati, imprenditori, esponenti delle forze dell'ordine oltre a soldati messi in busta paga dai Santapaola. [link]
Posta un commento

Avvertenze sul blog

SOSTIENI QUESTO BLOG - Adotta l'Informazione Libera Contribuisci alla libertà di essere informato bastano pochi euro e l'impegno di tutti. Anche 1 euro, grazie a tutti.

Sostieni questo blog, adotta l'informazione libera.


Scopo: Malgradotuttoblog
Questo blog, sostiene la libera e gratuita diffusione delle idee; è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons. Tu sei libero di modificare ed usare a tuo piacimento tutti i contenuti presenti sul blog all' unica condizione di citarne la fonte.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7/3/2001.